Domenica ... Poggio festeggia l'autunno!

Domenica 18 novembre l'Isola d'Elba festegga la CASTAGNA con la 39° edizione de la CASTAGNATA al Poggio. 

L'autunno all'Elba è una stagione davvero magica: ogni pendio si accende di colori caldi che sfumano dal giallo acceso al rosso fuoco, e il sottobosco regala doni preziosi come funghi e ricci pieni di castagne. Proprio quest'ultimo frutto è da tempo omaggiato da tante popolazioni toscane, che ne fanno deliziosi piatti, spaziando dal salato al dolce. 

La castagna è un frutto antichissimo. Sebbene non si conoscano precisamente le origini del castagno,  alcuni ritrovamenti fossili dimostrano che questa pianta dovrebbe addirittura provenire dal Terziario, circa 10 milioni di anni fa, per poi diffondersi in Asia, in Europa e nelle Americhe. Ormai le castagne si possono trovare in vendita anche durante il resto dell’anno, ovviamente non fresche ma in forme alternative come la farina, sciroppate, sott'alcol, sotto forma di purea e crema dolce... ma vogliamo mettere il divertimento che si ha nel raccoglierle di persona? Vero divertimento per i più piccoli, raccogliere castagne in un bosco e fare una bella passeggiata, coronata poi dall'arrostire il "bottino" la stessa sera... è sempre un'esperienza di contatto con la natura che non ha prezzo!!! 

All'Isola d'Elba la zona più ricca di castagni è il versante nord del Monte Capanne, lo stesso sul quale si possono trovare anche ottimi funghi porcini! Qui gli antichi borghi di Poggio e Marciana si accendono in questo periodo nei giorni in cui si tengono gli eventi enogastronomici legati proprio alla castagna. Domani, in particolare,  le strette e pittoresche strade di Poggio si riempiranno di stand e botteghe tipiche con tante specialità a base di castagne. Dalle ore 12 fino al tramonto potrete gustare tante prelibatezze locali, insieme ad un ottimo vino elbano. 

Ma le castagne non sono solo belle da vedere e buona da mangiare... sono anche molto sane e nutrienti. Fresche hanno circa 200 Kcal (per 100g) e secche fino a 350 Kcal, contengono proteine di qualità e pochi grassi. Tra i sali minerali, esse hanno contengono potassio, calcio, magnesio, zolfo e fosforo, oltre alla vitamina  B1,B2,PP e C. 

Le varietà di castagne sono davvero molte... e a tale proposito la Rivista "La Cucina Italiana" spiega la grande differenza, ad esempio, tra castagne e marroni. Pensate a quando gustate una caldarrosta o un marron glacé...pur essendo simili (di fatto "cucini" tra loro) di sicuro ne avrete intuito una qualche differenza. Nel 1939 addirittura un decreto Regio ne definì la distinzione.  La castagna è il frutto di una pianta selvatica: in passato erano il sostentamento di molte famiglie di umili origini che le raccoglievano nei boschi... e, siccome non potevano permettersi neanche un pezzo di pane, il castagno veniva chiamato l'"albero del pane". Una volta raccolte, venivano bollite, arrostite o ne ne otteneva una farina molto nutriente da conservare a lungo per poi farne zuppe, pane o dolci. Quando successivamente, in alcune zone, è intervenuto l'uomo con una coltivazione più strutturata, in seguito a sapienti innesti e potature siamo giunti ad avere i marroni, frutti di qualità superiore.

Basti pensare che in un riccio "spontaneo" si possono trovare fino a 7 castagne dalla buccia marrone scuro. In un riccio di marroni i frutti al massimo sono 3, quindi ben più grandi e dal colore marrone un po' più chiaro. Anche la pellicola che separa frutto e buccia nel marrone è più liscia e facile da asportare. Per quanto riguarda il gusto: le castagne sono un po' meno saporite (anche se arrostite sono davvero golose !!!) mentre i marroni sono più zuccherini e per questo spesso utilizzati dalle pasticcerie per creare i famosi dolci glassati odirettamente in cucina per piatti gustosi e raffinati tipici di questo periodo. 

Vi aspettiamo allora domani al Poggio per un tripudio di colori e sapori legati alla castagna, frutto povero ma che dona grande felicità!!! 

Vi ricordiamo che per l'occasione sarà anche possibile visitare la Casetta Drouot, ove Napoleone racconterà se stesso... anche a lume di candela!!" Info e prenotazioni al Cell. 335.59 26 357 o presso il gazebo.

SERVIZIO NAVETTA GRATUITO - Info e Prenotazioni Cell. 393.56 00 424

 

 

Connettiti con noi

X