La scorsa notte... una serenata sotto la finestra per la Festa del Maggio all’Isola d'Elba

Una romantica usanza si ripete a S.Ilario, nelle frazioni intorno a Marina di Campo e in altre località dell’Isola d’Elba a fine Aprile… e le signorine di ogni età ringraziano preparando un dolce.

Una delle usanze che trovo più dolce e che mi colpisce anno dopo anno è il rito legato alla Festa del “Maggio”. Nel piccolissimo borgo medioevale di Sant’Ilario, così come in altre località dell’Isola d’Elba, ieri sera (vale a dire la sera tra il 30 Aprile e il 1° Maggio) gli uomini del paese si spostano di finestra in finestra e di balcone in balcone per cantare una serenata alle “signorine da marito” di tutte le età. Il canto è proprio “il Maggio” scritto tanti anni fa da Ugo Soria, musicista e capostipite della famiglia Soria, tanto numerosa tra i paesi di Sant’Ilario e San Piero, a cui mio marito appartiene.

“Come un fior di primavera… siete amata questa sera.

Signorina… siete desta? V’affacciate alla finestra?

Questo è un cantico d’amore… che risveglia il vostro cuore.”

Sentire cantare e suonare queste parole nelle vie strette e buie, al tenue chiarore della luna… riporta indietro nel tempo… e ci si immagina quando le signorine non avevano Facebook o WhatsApp…. a quando le occasioni per incontrarsi e scriversi erano attimi rubati. Davvero altri tempi… che risultano ancora più incredibili se si pensa che gli uomini cantano sotto le finestre di “signorine” fin da quando queste hanno da pochi mesi fino a 99 anni!!! Sant’Ilario è davvero piccola e siamo fortunati… in altre località più popolate non tutte le signorine ancora nubili ricevono questo omaggio…. Ma qui… è una vera magia.

Certo, è notte tarda quando finiscono, e oggi non sono forse molte le fanciulle che rimangono sveglie… mentre possiamo immaginare la trepida attesa degli anni in cui questa tradizione è nata. L’emozione nel vedere tra i cantanti anche il proprio innamorato… e il piacere – poco tempo dopo – nel contraccambiare quella gentilezza preparando un dolce speciale: il corollo. (trovi al ricetta a pagg. 60 del PDF delle Ricette con il Cuore")

Questa tradizione, infatti, è composta da due momenti diversi: il canto e la festa di ringraziamento. Nei giorni successivi alla serenata, è ancora oggi consuetudine che le signorine omaggiate si riuniscano in una festa di paese per la quale ciascuna di loro preparerà una torta da servire agli uomini. Come dire… nei tempi andati era certo una delle poche occasioni “ufficiali” per avvicinare il ragazzo del proprio cuore e offrirgli una fetta della propria torta… sotto gli occhi di tutti.

Tempi antichi e tempi moderni. Oggi tanto è cambiato… ma io adoro aspettare che il coro passi sotto la finestra di mia figlia, perché da noi in città non capita certo mai… e penso alla torta che prepareremo insieme domani, cercandone la ricetta su Internet.  

 

Ascolta il canto del Maggio su: https://www.youtube.com/watch?v=b96pc5Bw1TM

Uno speciale GRAZIE a @MirkoTesei del Ristorante Pizzeria LA FONTE per la foto di Sant'Ilario

 

Connettiti con noi

X